informATISB

LA DISFUNZIONE SOMATICA IN SOGGETTI PORTATORI DI SPINA BIFIDA

La ricerca condotta da un team di terapisti (tra cui tiene le fila il “nostro” Mauro Badan) entra ora nel “vivo”: terminato lo studio delle cartelle cliniche di ciascun partecipante, è adesso necessario un incontro/valutazione di persona. La data prescelta per questa fase della ricerca è sabato 1 aprile 2017, presso la sede operativa di ATISB (Via del Pesciolino 11/F Firenze), con orario differenziato per i diversi partecipanti. L’orario di presentazione di ciascuno verrà comunicato direttamente dal Ft. Mauro Badan, a cui è anche possibile rappresentare eventuali preferenze di fascia oraria od impossibilità di partecipare il giorno indicato.

PROGETTO CAMMINO DI SANTIAGO

Anche questo progetto entra nella fase “operativa”…

Ciascuno degli aderenti deve confermare la propria partecipazione a mezzo mail entro il giorno 12 marzo 2017 (mail. info@www.atisb.it oppure  mexpo@libero.it), perché è necessario dare urgente seguito all’acquisto a tariffa (molto) agevolata dei biglietti aerei, per il quale serve appunto fornire l’elenco nominativo dei “passeggeri”.

Nuovo “calendario”: partenza 1 settembre tardo pomeriggio da Orio al Serio con volo diretto senza scali, arrivo a Santiago in serata ore 22,50 e pernottamento; 2 settembre spostamento in pulman Santiago-Sarria ed inizio “Cammino” con prima tappa !!! Dal 3 settembre sviluppo delle altre varie tappe, con arrivo a Santiago il girono 11/9. Giorno 12 settembre  tutto a Santiago; giorno 13/9 rientro in Italia con arrivo alle 18,50 (quindi in tempo per poi fare ritorno alle proprie abitazioni).

Stima dei costi: € 100/persona biglietto aereo a/r; € 50/persona vitto ed alloggio giornaliero. Tali costi si devono intendere come MASSIMO possibile, destinati a ridursi via, via con le sponsorizzazioni ricevute dall’Associazione.

Infine, quanti hanno necessità di acquistare abbigliamento ed attrezzature idonee al Cammino (zainetti, scarponi, pantaloni, pile…) si possono mettere in contatto urgentemente con l’Associazione, in quanto è arrivato il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, specificatamente concesso per questo progetto.